Pane, amore e armonia

picnic2Un approccio al femminile per l’equilibrio alimentare

La straordinaria forza di noi donne deriva da quelle che sono le principali caratteristiche dell’energia femminile: accogliere, nutrire, ascoltare, creare.

Vivere in un mondo dove la psicologia maschile è l’elemento predominante porta le donne ad entrare in conflitto con la parte più profonda di se, e a mettere in ombra le loro caratteristiche più importanti spostando l’attenzione sul pragmatismo, sul fare e sul senso del dovere esasperato.

Lavorando con l’alimentazione ho osservato che, spesso, il nostro rapporto col cibo diventa il campo di battaglia in cui le nostre parti in conflitto si scontrano.

Invece di un gesto di amore e di ascolto del nostro corpo e dei bisogni che esprime col suo linguaggio, nutrire noi stesse diventa un modo in cui cerchiamo di adeguarci a degli standard di benessere o aspetto fisico costruiti da altri. Ma in questo modo non ci nutriamo, ci stiamo punendo.

Inoltre il rapporto viscerale che le donne hanno con il loro lato istintivo ed emotivo rende ancora più forte il valore di conforto e rassicurazione che alcuni cibi hanno, rendendo molto difficile trovare il proprio equilibrio.

Cosa facciamo di solito?

Di solito noi donne scegliamo un comportamento.

Ci mettiamo a dieta se vogliamo dimagrire o scegliamo uno stile alimentare “sano” se ci preoccupiamo di salute e benessere.

La logica del “fare” a cui siamo abituate ci spinge, spesso, ad aderire al comportamento che scegliamo in modo deciso e con gran forza di volontà, ma anche in modo rigido e non empatico verso noi stesse.

E se non riusciamo a portare avanti quel comportamento, come spesso accade, cominciamo a sentirci in colpa, inadeguate, di poco valore. Emozioni che pesano non poco quando ci “rimettiamo in riga” e ci riproviamo.

Ho conosciuto donne che hanno seguito questo schema per una vita. Io stessa ci sono stata intrappolata per più di vent’anni. Ma non funziona.

Perchè non funziona?

  • Perchè spesso ci buttiamo in quel comportamento senza aver chiaro chi vogliamo essere e, soprattutto,  per quale motivo lo vogliamo.
    Lo scopo, il motivo, è fondamentale per sostenere volontà e determinazione nel cambiamento. Senza un chiaro motivo, profondamente legato al nostro io profondo, la forza di volontà non funziona.
  • Perchè spesso ci buttiamo in quel comportamento senza aver riflettuto su quali messaggi il nostro corpo ci sta portando.
  • Perchè spesso ci buttiamo in quel comportamento non per amore di noi stesse, ma per sfuggire a emozioni represse e bisogni profondi che non ascoltiamo e di cui non siamo consapevoli.

optimized-joel-overbeck-100150

Perchè un approccio “al femminile” funziona?

Gli anni di lavoro su me stessa mi hanno fatto capire che se volevo avere successo e trovare un equilibrio alimentare sano e duraturo dovevo smettere di basarmi sulla forza di volontà e rivolgermi a quelle che sono le mie caratteristiche essenziali.

  • Ho imparato ad ascoltarmi e a considerare il mio corpo un prezioso alleato.
  • Ho imparato che le mie emozioni sono messaggi importanti che non posso ignorare.
  • Ho imparato chi volevo essere e quali bisogni profondi non stavo ascoltando.

Comprendendo quei bisogni ed i messaggi che il mio corpo mi trasmette attraverso il desiderio di cibo mi ha permesso di iniziare a costruire la vita che voglio davvero. E in questo processo sono riuscita a rendere il cibo un gesto d’amore con cui nutro me stessa e a trovare il mio equilibrio.

Se è stato possibile per me, è possibile anche per te. Vuoi scoprire come?

Ti aspetto sabato 20 maggio 2017 presso Spazio Oasi, in via Varese 12 a Milano (MM Moscova) per una giornata dedicata alla tua armonia

optimized-amos-bar-zeev-131535

Cosa faremo durante il workshop?

  • Esploreremo  il legame tra energia femminile, nutrimento ed aspetti emotivi del cibo
  • Capiremo quali differenze ci sono tra uomini e donne in relazione a desideri, bisogni inespressi e voglia di cibo
  • Esploreremo i nostri bisogni ancestrali ed il livello di equilibrio che abbiamo nel rispondere ad essi
  • Capiremo come le nostre emozioni intervengono nel rapporto con il cibo e nei conflitti che possiamo avere con esso
  • Sulla base di quanto emerso disegneremo una mappa di chi vogliamo essere
  • Cominceremo a studiare come e con quali strumenti iniziare a seguire quella mappa per riportare il cibo in armonia con tutti i nutrimenti di cui abbiamo bisogno per costruire il nostro equilibrio

La tua compagna per questo viaggio.

6841_456579791195588_37995057912120252_n

Monica Moro.
Nel mio lavoro con le persone ho capito che l’amore, quello incondizionato, è la risposta a quasi tutte le nostre domande. Mi occupo di nutrimento, sia fisico che spirituale, perchè se impariamo a nutrire con amore tutti gli aspetti di noi troviamo il nostro equilibrio e fluiamo nella vita con più leggerezza. Sono  nutritional counselor, insegnante abilitata da Igor Sibaldi della tecnica “I maestri invisibili” e mi sto formando come Spiritual coach sotto la guida di Lucia Merico. Nel mio percorso ho acquisito diversi strumenti legati al lavoro con le energie sottili e li utilizzo per aiutare le persone a comprendere meglio se stesse e per sostenerle nei loro cambiamenti profondi.

 

Orario del workshop: 10:00-18:00 (Dalle 9:30 sarà aperta la registrazione dei partecipanti)

Numero minimo di partecipanti: 6
Numero massimo di partecipanti: 20

Costo della giornata:
Euro 80 fino al 13 maggio
Euro 110 dopo il 13 maggio

Per qualunque ulteriore informazione o per iscrizioni potete:

scrivermi a monicamoro@be-light.it
chiamarmi al 338 3543235
cliccare su iscriviti ora  🙂

Commenti chiusi